Gruppo del Cridola - Colate Nere
Monte Cridola mt.2581 Via Dino E Maria
Accesso Generale
Da Domegge di Cadore si sale al Rif.Padova per comoda strada asfaltata e da li per forcella Scodavacca per il sentiero n.346.Quasi in forcella c'è un ometto di sassi sulla sinistra che segna l'accesso alla parete in mezzo ai pini mughi.

Discesa in doppia sulla via
Normale dotazione alpinistica

1. Si sale senza via obbligata il primo avancorpo fino a     raggiungere la base della evidente colata nera.70m.II
2. Salire lungo la colata nera su roccia solida e ricca di     appigli superando dei facili strapiombi e obliquando da     destra a sinistra si arriva ad un'terrazzino.45m. IV/IV+
3. Superato lo strapiombo che sovrasta la sosta(V-) si sale     verso destra fino alla sosta successiva 45m. IV/IV+/V-
4. Si continua per la riga nera e poco oltre una fascia di     facili strapiombi,si giunge ad una comoda terrazza,40m.     IV/IV+
5. Sempre sulla stessa linea nera che si restringe poi fino     a diventare un colatoio,si supera un muretto verticale     IV+ e per rocce levigate dall'acqua ma appoggiate si     raggiunge una cengia sotto uno strapiombo scuro 40m.IV 6. La via originale non supera lo strapiombo (che invece a     giudizio dello scrivente è il passaggio più bello e     consigliato V+/VI-)ma traversa a destra sulla cengia per     circa 6 m.per poi salire direttamente sulle rocce chiare     che costituiscono la costola destra del colatoio nel quale     si rientra e per esso si sale ad un'ampia conca.50m.IV+.
7. Per diedro di roccia sempre nera si guadagna la     sommità del colatoio giusto sulla grande cengia di     "grebani" che taglia a metà la parete sud del     Cridola,sosta riconoscibile da grande clessidra     orizzontale con acquasantiera ottima per pediluvio di     fine via.30m.
SCARICA RELAZIONE IN PDF